Sisma bonus

Sisma Bonus

SISMA BONUS | DETRAZIONE FISCALE PER LA MESSA IN SICUREZZA ANTISISMICA

Si tratta di un’importante detrazione fiscale sugli interventi volti all’adeguamento sismico degli immobili e degli edifici/condomini siti in zone a rischio terremoto.

L’agevolazione del Sisma Bonus è rivolta sia ai contribuenti soggetti all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) sia ai soggetti passivi dell’imposta sul reddito delle società (Ires).

Gli interventi possono essere realizzati sia sugli immobili di tipo abitativo che su quelli utilizzati per le attività produttive, situati nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) e nelle zone sismiche a minor rischio(zona sismica 3)

In particolare, i contribuenti che eseguono interventi per la messa in sicurezza degli edifici possono detrarre le spese, sostenute dal fino al 31 dicembre 2021, in percentuale variabile in relazione alla classe di rischio sismico raggiunta in seguito ai lavori.

 

PERCENTUALI DI DETRAZIONE

Si tratta di uno sconto Irpef che può passare dal 50% al 70 e 80% per le abitazioni e dal 75 all’85% per i condomini o per l’acquisto di un immobile sito in zone a rischio sismico.

  • sisma bonus al 50% per interventi che non apportano miglioramenti di classe sismica;
  • sisma bonus al 70% per interventi che apportano miglioramenti di una classe sismica;
  • sisma bonus all’80% per interventi che apportano miglioramenti di due classi sismiche.
  • Per i condomini si parte dalla detrazione fiscale pari al 50% delle spese sostenute e si può salire:
    al 75% se l’intervento determina il passaggio ad una classe di rischio inferiore
    all’85% se l’intervento determina il passaggio a due classi di rischio inferiori.

 

Lo sconto applicato sarà ripartito in 5 quote annuali di pari importo, nell’anno in cui è sostenuta la spesa e in quelli successivi.

Il tetto di spesa su cui calcolare la detrazione è pari a 96mila euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.

 

sisma bonus